Corbetta, pesante sconfitta dei vigili in tribunale: assolto 27enne di Cuggiono accusato di traffico di rifiuti

Era accusato di aver trasportato e smaltito rifiuti in modo illegale, ma i giudici lo hanno assolto perché “il fatto non sussiste”. L’avvocato Roberto Grittini: “Un buon risultato a fronte di indagini fragili”

di Redazione

CORBETTA-CUGGIONO (MILANO) – Pesante sconfitta in Tribunale per gli implacabili vigili di Corbetta, che avevano accusato un uomo di Cuggiono di trasporto e smaltimento illegale di rifiuti. Ma non era vero. Il cuggionese (27 anni) è stato assolto da ogni accusa.

L’accusa

Secondo gli agenti della Polizia locale di Corbetta e la Procura di Milano, l’uomo utilizzava il suo Fiat Ducato per “esercitare un’attività di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi in assenza di autorizzazione”. In particolare, dopo aver raccolto rifiuti di diverso genere e varia tipologia, li avrebbe trasportati senza titolo e smaltiti in modo illegale”. I fatti sarebbero avvenuti a Corbetta tra il 20 aprile e il 7 luglio 2021. I vigili avevano rilevato la presunta violazione del 27enne di Cuggiono. Il Tribunale, però, non ha ritenuto fondata la tesi accusatoria, e lo ha assolto con formula piena.

Smaltimento di rifiuti

L’uomo, originario della Toscana ma residente da tempo nel comune dell’Altomilanese, era accusato del reato previsto dall’articolo 256 del decreto legislativo 152 del 2006 in materia di rispetto dell’Ambiente: “Chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione, iscrizione o comunicazione è punito con la pena dell’arresto da tre mesi a un anno o con l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro se si tratta di rifiuti non pericolosi”.

Parla l’avvocato: “Indagini fragili”

Piena soddisfazione è stata espressa dal difensore del 27enne cuggionese, l’avvocato Roberto Grittini (in foto). Sarcastiche le sue dichiarazioni: “Un buon risultato per la difesa, a fronte di indagini piuttosto fragili”.