Nel Milanese, a Cuggiono, torna la Spesa Sospesa, che durante il primo lockdown ha permesso di aiutare 202 famiglie. E che permette oggi sia di venire incontro a chi è in difficoltà sia di dare una mano al commercio locale, duramente colpito dall’emergenza sanitaria

13 NOVEMBRE 2020

di Redazione

CUGGIONO (MILANO) – Cuggiono chiama Cuggiono per la Spesa Sospesa. Una comunità che si sostiene e che vede il rilancio di un’iniziativa che durante il primo lockdown ha permesso di aiutare 202 famiglie. E, a fronte di un’emergenza sanitaria che avanza di pari passo con la crisi economica, il numero di chi si trova in difficoltà è in aumento. Perché la stessa crisi, tra chiusure e limitazioni, colpisce anche il commercio cittadino.

Nessuno dev’essere lasciato solo

Per questo, “Serve l’aiuto di tutti perché nessuno venga lasciato solo” è l’appello del coordinamento che vede al tavolo le associazioni cittadine, l’amministrazione comunale, tutti i gruppi consigliari, la parrocchia di San Giorgio Martire e la Caritas (queste ultime realtà non hanno mai smesso di raccogliere beni di prima necessità) e i commercianti. Tutti i cuggionesi sono chiamati a fare la differenza in un momento tanto difficile. Come? Semplicemente facendo la spesa o lasciando una piccola donazione.

Occhio alle vetrine

In questi giorni sono in distribuzione le locandine che identificano al primo colpo d’occhio le realtà commerciali che aderiscono alla Spesa Sospesa. Come già accaduto tra marzo e aprile nessuno dei commercianti ha fatto un passo indietro davanti all’emergenza. Tutti i canali di comunicazione delle associazioni saranno a loro disposizione per garantire visibilità alle varie attività.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Dove vengono venduti generi di prima necessità basterà fare qualche acquisto in più (pasta, sughi, riso, scatolame, olio, prodotti per l’igiene personale ecc.) e lasciarlo nell’apposito raccoglitore. Dove non vengono venduti generi di prima necessità sarà possibile  fare una donazione lasciando anche soltanto un euro nella bottiglia di raccolta con il logo della Spesa Solidale.

La colletta anche in chiesa

Nella basilica di San Giorgio è inoltre presente un cesto dove è possibile lasciare direttamente i generi di prima necessità precedentemente acquistati. L’amministrazione comunale, infine, sta attivando apposito conto ‘Emergenza Covid-19’ per raccogliere altre donazioni che saranno in parte detraibili dalle imposte. Non appena il conto sarà disponibile la cittadinanza sarà informata.

Acquistare in paese

La Spesa Sospesa è un bene per tutti: compriamo a Cuggiono. Sosteniamo le famiglie in difficoltà e i nostri commercianti. Perché #cuggionosiamonoi. Io, tu, noi, tutti. 

I COMMENTI