Una donna di Abbiategrasso è stata arrestata dai Carabinieri per incendio doloso: avrebbe dato alle fiamme le automobili dei suoi datori di lavoro. Oscuri al momento i motivi

21 GIUGNO 2020

di Redazione

ABBIATEGRASSO (MILANO) – Venerdì 19 giugno i Carabinieri della Compagnia Abbiategrasso hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di una donna ucraina (49 anni), ritenuta responsabile di incendio doloso.

I fatti

L’episodio risale al 15 Agosto 2019, quando ad Abbiategrasso in via Silvio Pellico si sviluppa un incendio che danneggia 2 automobili, rispettivamente di proprietà di una donna italiana di 63 anni e di sua figlia (30 anni). L’incendio si estende anche un portico e a un box adiacente alle auto.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Le indagini

I Carabinieri indagano sul rogo e scoprono la probabile autrice: è proprio la donna ucraina di 49, che faceva la badante presso l’abitazione di un’anziana signora. Per ragioni al momento ignote, l’ucraina matura quello che gli inquirenti definiscono “il proposito criminale e di vendetta per futili motivi nei confronti dei suoi datori di lavoro”, incendiando così le auto delle citate madre e figlia.

L’arresto

La badante, al termine delle indagini, viene così arrestata. Ora aspetterà in cella il processo a suo carico.

I COMMENTI