gallera

A Legnano, nel Milanese, i vigili mettono le manette a un tunisimo di 30 anni, senza permesso di soggiorno: stava vendendo ‘coca’ a una giovane donna

7 GIUGNO 2018

di Redazione

LEGNANO (MILANO) – Spacciatore clandestino arrestato dalla della Polizia locale a Legnano, mel Milanese. È successo ieri pomeriggio, mercoledì 6 giugno, intorno alle 15,30. Una pattuglia in borghese del Comando di corso Magenta, che stava effettuando servizio di controllo del territorio nella zona della stazione ferroviaria, ha notato la presenza di una persona che si aggirava con fare sospetto e ha deciso di intervenire.

L’arresto

L’uomo, un tunisino di 30 anni, senza permesso di soggiorno, è stato immediatamente riconosciuto: si trattava di un pusher abituale che operava nella zona di via XXIX Maggio e che, qualche giorno fa, si era dato alla fuga, alla vista degli agenti, dopo aver ceduto della cocaina a una donna residente a Legnano. Bloccato dai vigili in borghese è stato trovato in possesso di oltre 3.000 euro in contanti (in banconote di piccolo taglio) oltre che di alcune dosi di cocaina pronte per essere spacciate. Per lui è scattato l’arresto con giudizio direttissimo celebrato oggi al Tribunale di Busto Arsizio.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Lo spaccio

L’uomo operava sul territorio per contatti telefonici, consegnando gli stupefacenti nella località pattuita col cliente. “L’operazione si è resa possibile grazie alle segnalazioni dei cittadini – è il commento dell’assessore alla Polizia locale, Maira Cacucci – e alla tenacia con cui, tutti i giorni, gli agenti del nucleo Falchi, supportati da tutto il Comando legnanese, operano per la sicurezza di tutti, mettendo in campo professionalità e determinazione”.