gallera

Boffalora, lo storico negozio di bici, il DoctorBike, abbasserà la serranda il 24 dicembre

di Francesca Ceriani

BOFFALORA SOPRA TICINO (MILANO) – Il Doctorbike, storico negozio di biciclette in piazza IV Giugno, affacciato sul Naviglio, lascia Boffalora.

Il DoctorBike lascia Boffalora

Il prossimo 24 dicembre abbasserà la serranda, per riaprire poi, il 12 gennaio, a Magenta, in corso Europa 82. La scelta è dettata da ragioni pratiche: l’attività, presente sul territorio da quasi 20 anni, è cresciuta, conquistando importanti successi e necessitando di un ampliamento. “Il proprietario, Massimo Calcaterra, mi aveva già informata di questa decisione, prima ancora di annunciarla ai clienti e ai cittadini – spiega il sindaco, Sabina Doniselli –. E’ una scelta legata a una questione logistica: la sua attività è cresciuta e ha bisogno di più spazio, soprattutto come magazzino. Se da un lato sono dispiaciuta, perché Doctorbike portava in giro il nome di Boffalora, dall’altro sono felice che una realtà nata in paese è cresciuta così tanto”.

Le parole del proprietario

Calcaterra, che nei giorni scorsi ha affisso fuori dal suo negozio l’avviso per i clienti, commenta con un pizzico di malinconia: “Boffalora è stata per noi un trampolino di lancio: qui abbiamo mosso i nostri primi passi, aprendo nel 2003. Festeggeremo il nostro ventesimo compleanno trasferendoci in un nuovo negozio. Per noi sono stati 19 anni fantastici, in una location speciale, e confesso che scende una lacrimuccia al pensiero di dover lasciare questo posto. Ma dal punto di vista imprenditoriale il cambiamento era necessario”. Infine, un ringraziamento all’amministrazione comunale: “C’è sempre stato un ottimo rapporto – sottolinea Calcaterra – e ci sarà anche dopo. Si sono sempre mostrati disponibili con noi”. Con l’anno nuovo, quindi, la piazza sarà più vuota.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.