La Procura di Busto Arsizio si prepara per chiedere il rinvio a giudizio per Daniela Lazzati (candidata leghista alle Comunali di Parabiago) e altre 13 persone per gli appalti all’Istituto Tecnico Maggiolini. Se Raffaele Cucchi dovesse essere confermato sindaco, Lazzati potrebbe essere nominata assessore all’Istruzione

6 SETTEMBRE 2020

di Ersilio Mattioni

PARABIAGO (MILANO) – C’è anche Daniela Lazzati (ex preside dell’Istituto Tecnico Maggiolini) tra i 14 indagati nell’inchiesta della Procura di Busto Arsizio. La vicenda riguarda gli appalti e gli incarichi della scuola superiore.

I candidati della Lega di Parabiago, tra cui l’indagata Daniela Lazzati

Dalla scuola alla politica

Lazzati è candidata alle elezioni comunali del prossimo 20-21 settembre con la Lega a sostegno del sindaco uscente Raffaele Cucchi. In caso di vittoria, potrebbe essere il nuovo assessore all’Istruzione, proprio mentre i magistrati si preparano a chiedere il suo rinvio a giudizio.

Abuso d’ufficio

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

L’ex preside Lazzati, per la vicenda giudiziaria risalente a fatti che si sono svolti tra il 2012 e il 2016, è accusata di abuso d’ufficio. Assieme a lei sono indagate altre 13 persone (dipendenti della scuola e imprenditori di Magenta, Gallarate e Olgiate Olona). Tra loro c’è Alfonso Cocciolo, figura centrale dell’inchiesta.

Il sistema

Lazzati e Cocciolo, secondo il Pm Ciro Caramore, avrebbero architettato un sistema criminoso per eludere le procedure di gara e di comparazione delle offerte. Lo scopo sarebbe stato quello di favorire imprenditori amici e compiacenti. Il sistema sarebbe consistito nello spacchettare i lavori da eseguire e le forniture per la scuola in modo da non superare mai il limite di spesa oltre il quale sarebbe stato necessario indire una gara. In questo modo invece Lazzati e Cocciolo avrebbero potuto assegnare direttamente gli incarichi ad aziende di loro fiducia.

Corruzione e usura

A Cocciolo, ex consigliere comunale a Legnano, architetto e professore con ruoli dirigenziali al Maggiolini, vengono contestati diversi reati. Dalla corruzione all’abuso d’ufficio fino all’usura nei confronti di imprenditori in difficoltà: avrebbe prestato loro cifre fino a 30.000 euro con interessi tra il 28% e il 120%.

Reazioni politiche

Non si registrano finora reazioni politiche alla notizia del probabile rinvio a giudizio della candidata Lazzati. La quale ora (assieme a tutti gli altri imputati) avrà 30 giorni di tempo per depositare memorie difensive o per chiedere di essere ascoltata dai magistrati.

I COMMENTI