Milano, violenza sessuale: stupra 18enne e poi la abbandona su una panchina fuori dalla discoteca. Arrestato 23enne

Violenza sessuale nei confronti di una ragazza da poco maggiorenne. Con questa accusa è stato arrestato un cittadino italiano di 23 anni. Avrebbe stuprato la vittima per poi abbandonarla su una panchina

di Redazione

MILANO – Avrebbe approfittato di una 18enne ubriaca per caricarla in auto con la forza, violentarla e poi abbandonarla su una panchina fuori da una discoteca di Milano. Il fatto sarebbe accaduto il 23 maggio del 2023. Per questo un cittadino italiano di 23 anni è stato arrestato dalla Polizia e si trova ora ai domiciliari. L’accusa è di violenza sessuale.

Violenza sessuale

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la ragazza italiana (da poco maggiorenne) si era recata in discoteca per trascorrere una serata con le amiche. Qui avrebbe conosciuto il ragazzo che, approfittando del suo stato psico-fisico alterato dall’alcol, l’avrebbe condotta all’esterno e caricata di peso sulla propria vettura. Si sarebbe poi appartato in un parcheggio, costringendo la neo 18enne a subire un rapporto sessuale.

L’abbandono

Non contento, il 23enne avrebbe poi abbandonato la ragazza, in evidente stato confusionale, su una panchina all’esterno della discoteca. La 18enne era comunque riuscita a contattare le amiche, che poco dopo l’avevano raggiunta e soccorsa.

Le telecamere

Le indagini hanno ricostruito la notte della violenza sessuale attraverso una meticolosa analisi delle immagini degli impianti di videosorveglianza. A ciò si sono aggiunti gli accertamenti di carattere biologico per identificare il 23enne, ritenuto responsabile dello stupro.

Il precedente

Gli inquirenti hanno inoltre appreso che il presunto autore della violenza, la settimana prima, era stato segnalato da alcune ragazze per atti osceni. Si sarebbe cioè esibito in atteggiamenti poco edificanti a bordo della propria autovettura, all’esterno di un’altra discoteca milanese.

L’arresto

Il 23enne, rintracciato nella propria abitazione, è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nei prossimi giorni sarà interrogato dai magistrati.