Una fuga di gas ha messo in pericolo la vita di una madre e del figlio di 2 anni. È quanto avvenuto lo scorso venerdì in un appartamento sito in via Volta a Ossona. La donna si trovava in casa con il figlioletto, e non si è accorta della fuga di gas, probabilmente proveniente da una stufa portatile: complice l’assenza di regolamentari prese d’aria per la ventilazione delle stanze, l’aria all’interno della casa si è saturata e la donna ha perso i sensi, cadendo riversa sul pavimento. Così l’ha trovata il marito una volta tornato a casa dal lavoro, mentre il bambino vagava per la casa ancora vigile ma in stato visibilmente confusionale. Immediatamente sono accorsi i vigili del fuoco e la polizia locale, ed è stata allertata un’ambulanza che ha portato d’urgenza madre e figlio al Centro Lombardo di Medicina iperbarica. Qui la donna e il bambino sono stati sottoposti a diversi trattamenti con ossigeno pressurizzato, e dopo alcuni giorni di ricovero sono stati dimessi. Una storia a lieto fine dunque, ma che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi: ricordiamo infatti il caso della palazzina ossonese evacuata solo qualche mese fa a causa di una fuga di gas, scoperta solo casualmente. L.C.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.