70enne negazionista del Covid circola fuori paese senza mascherina: i vigili lo fermano e lui prende a schiaffi il comandante.

Di Lorenzo Rotella

BUSTO GAROLFO-PARABIAGO (MILANO) – I vigili di Busto Garolfo lo vogliono multare perché non indossa la mascherina, ma lui si rifiuta di consegnare i documenti. Una volta portato al comando di Polizia locale, dopo essere stato identificato dagli agenti, ha opposto ancora resistenza e ha preso a schiaffi, mollando un paio di ceffoni, il comandante Antonello Grassi. Denunciato e multato un negazionista del Covid.

Prende a schiaffi il comandante: denunciato

Questo è quanto accaduto martedì 13 aprile a Busto Garolfo, in piazza Lombardia, in pieno centro e in pieno giorno. Una vicenda grave, quella che trapela dagli uffici delle Forze dell’ordine municipali. Dalle prime indiscrezioni, l’aggressore è un over 70 residente a Parabiago ed ex proprietario di un bar del centro di Busto Garolfo. Il soggetto non è in alcun modo collegato all’attuale locale, ma è evidente che il tempo trascorso a Busto Garolfo gli ha consentito di stringere legami con la comunità. Per questo motivo, in barba ai decreti anti-Covid, l’uomo bazzica in piazza Lombardia almeno una volta alla settimana. E rigorosamente senza mascherina.

Parla il comandante

È in occasione una delle sue visite al centro bustese che i vigili sono intervenuti durante i controlli effettuati sul territorio. Con ogni probabilità su segnalazione di alcuni cittadini. A raccontare come si sono svolti i fatti è proprio il comandante Grassi, che insieme agli agenti della Polizia locale effettua ogni giorno un servizio di monitoraggio sul territorio: “I vigili giunti sul posto hanno riconosciuto il soggetto che non voleva né indossare la mascherina né mostrare i documenti. Si è così evitato di portarlo presso la caserma dei Carabinieri di Legnano e lo abbiamo condotto al comando per proseguire col verbale”. È qui che il pensionato incontra Grassi: “In caserma ha continuato a rifiutarsi di fornire le generalità, insistendo per andarsene. Non potevamo certo lasciarlo fare, così lo abbiamo intimato a più riprese di collaborare. Ha opposto ancora resistenza facendo molte storie e infine ha alzato le mani. Da quando dobbiamo far rispettare le normative anti-Covid, non mi era mai capitata una cosa del genere”.

La denuncia

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Nei confronti dell’over 70 parabiaghese è partita una denuncia di tipo civile per non aver indossato la mascherina (per lui arriverà una sanzione amministrativa). L’uomo è stato anche segnalato in procura per essersi rifiutato di dare le proprie generalità e per resistenza a pubblico ufficiale. “Ogni giorno – conclude Grassi – interveniamo per garantire la sicurezza e la salute dei cittadini. Soltanto da marzo a oggi abbiamo emesso circa 60 verbali per assembramenti, infrazioni delle norme anti-contagio e presenza non giustificata fuori dal Comune di residenza”.

I COMMENTI