Ad Arconate, nel Milanese, un uomo di 35 anni è stato sorpreso mentre fotografava la scheda elettorale: “Volevo dimostrare alla mia fidanzata di aver votato per il sì”. Denunciato. Arrivano i Carabinieri ai seggi

20 SETTEMBRE 2020

di Redazione

ARCONATE (MILANO) – Carabinieri ai seggi elettorali di Arconate, nel Milanese, allestiti alle scuole medie ‘Alessandro Manzoni’. Un elettore, oggi intorno alle 15.15, ha fotografato la scheda ed è stato ‘pizzicato’ del presidente della sezione.

Scatto proibito

L’elettore – un uomo di 35 anni – è entrato alla sezione 1 per votare e ha deciso di fotografare la scheda. Si è però dimenticato di mettere il silenzioso sullo smartphone, così lo scatto si è udito forte e chiaro.

‘Colpa’ della fidanzata

Il presidente di seggio ho rivolto al 35enne una domanda diretta: “Mi scusi, ha fotografato la scheda?” Sconcertante la risposta: “Certo, volevo dimostrare alla mia fidanzata di aver votato per il sì”. La ragazza infatti, secondo l’incredibile racconto, non gli avrebbe creduto sulla parola, ma soltanto con una prova incontrovertibile.

Carabinieri ai seggi

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Il presidente della prima sezione non ha avuto scelta. Nella sua veste di pubblico ufficiale, ravvisando un reato, si è rivolto alla forza pubblica e i Carabinieri hanno raggiunto i seggi di Arconate per formalizzare la denuncia.

I COMMENTI