VIDEO – Ruba in cantiere e poi ricatta il datore di lavoro: arrestato per estorsione

Prima di fa assumere e poi in ruba in cantiere per ricattare il suo datore di lavoro (GUARDA IL VIDEO). Un uomo di 43 anni, residente a Bollate, è stato arrestato per estorsione. Aveva trafugato 5.000 euro di materiale edilizio

di Redazione

BOLLATE (MILANO) – Prima si fa assumere, attraverso un annuncio di Subito.it, in un imprenditore edile di Brugherio, in Brianza. Poi ruba in cantiere, trafugando materiale per 5.000 euro. A questo mette in atto il suo piano: ricattare l’imprenditore per estorcergli 500 euro.

Ruba in cantiere

I fatti. L’ uomo – 43 anni, residente a Bollate – risponde a un annuncio di lavoro e si rende disponibile a lavorare da subito, vantando anche una certa esperienza nel ramo. L’imprenditore edile, di Milano, lo chiama per un colloquio e poi lo assume. Siamo all’inizio di settembre. Dopo pochi giorni però il 43enne ruba in cantiere: materiale per l’edilizia per un valore di 5.000 euro.

IL VIDEO DELLA TENTATA ESTORSIONE

Ruba in cantiere per estorcere denaro al datore di lavoro

L’estorsione

Mentre l’imprenditore svolge indagini per scoprire l’autore del futuro, il bollatese si fa vivo e gli chiede la somma di 500 euro in cambio della restituzione del materiale. L’imprenditore mangia la foglia e fissa un appuntamento per la consegna del denaro. Ma poco dopo avvisa i Carabinieri.

L’appostamento

I militari della Compagnia di Monza predispongono un servizio in borghese di osservazione e pedinamento per giovedì 7 settembre, giorno stabilito per la consegna dei soldi. Il luogo indicato del 43enne è un appartamento di Milano, dove è custodita la refurtiva.

Il blitz e l’arresto

Durante le fasi dello scambio scatta il blitz dei Carabinieri. Il 43enne di Bollate viene arrestato, mentre il suo complice (un 46enne di Milano) viene denunciato a piede libero per ricettazione. Il materiale rubato in cantiere viene infine restituito al legittimo proprietario.