L’ex deputato Pd Francesco Prina si candida a Cassinetta e dichiara guerra a Robecco sulla tangenziale

di Ersilio Mattioni

ROBECCO SUL NAVIGLIO (MILANO) – “Votate la lista ‘Cassinetta No Tangenziale’, siate vicini, sostenete e date le preferenze ai candidati di Cassinetta. Al servizio di questa causa metterò a disposizione la mia esperienza e le mie relazioni politiche e istituzionali; in particolare per politiche e finanziamenti europei, rapporti con gli enti metropolitani, regionali e nazionali e soprattutto per contrastare il progetto della tangenziale”. Firmato: onorevole Francesco Prina.

Francesco Prina

Tangenziale, Barni ha un nuovo nemico

Parole chiare e inequivocabili, quelle pronunciate dall’ex sindaco di Corbetta, ex consigliere regionale ed ex parlamentare Pd, il quale ha deciso di candidarsi a Cassinetta di Lugagnano come semplice consigliere ma con un obiettivo preciso: bloccare la tangenziale. Questa sorta di dichiarazione di guerra nei confronti di Robecco sul Naviglio e del sindaco Fortunata Barni (sostenitrice oltranzista dell’infrastruttura viabile) imbarazza un po’ tutti. Anche il Pd, di cui Prina è un autorevole esponente. I dem (con qualche distinguo dal centrodestra su metodi e progetti) sono da sempre favorevoli alla superstrada e di conseguenza alle sue opere aggiuntive e compensative, tra cui bretelle e tangenziali.

La battaglia di Prina

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Difficile capire perché un pezzo da novanta come Prina si sia impegnato in questa battaglia, rompendo il ‘fronte del sì’, ma di sicuro la sua presa di posizione avrà conseguenze importanti: l’ex deputato, infatti, vanta amicizie e conoscenze a livello regionale e nazionale e c’è da scommettere che, se verrà eletto, userà ogni mezzo lecito per tenere fede alla promessa fatta ai cittadini di Cassinetta. Il sindaco Barni, per il momento, non ha commentato la notizia, ma in cuor suo sa bene che Robecco potrebbe presto trovarsi a fronteggiare un nemico assai temibile, che in questa fase (forse complice la campagna elettorale: si vota il prossimo ottobre) non sembra neppure molto propenso al dialogo e alla mediazione.

I COMMENTI