Vittuone, violenze contro la moglie, i vicini di casa: “Prima o poi la ammazza”

di Francesca Ceriani

VITTUONE (MILANO) – Un uomo violento terrorizza un intero palazzo di via IV Novembre a Vittuone. Quasi sempre ubriaco, il 38enne spesso picchia la moglie, una donna di 39 anni. E la settimana scorsa la violenza è stata così brutale da mandarla in ospedale.

Picchia la moglie: vicini di casa terrorizzati

Mercoledì 18 maggio, infatti, l’uomo, papà di due figli (di 12 e 4 anni) che vivono nella stessa casa dove avvengono le violenze, ha spaccato un piatto in testa alla moglie, ferendola gravemente, e colpendo anche la suocera 70enne, che abita con la coppia. Sul posto sono accorsi una volante dei Carabinieri e due ambulanze. La donna è stata soccorsa e portata in ospedale, dove le sono stati messi dei punti di sutura. In ospedale sono finiti anche la suocera e il marito. Le violenze si protraggono ormai da 4 anni, ma la 39enne non trova il coraggio di denunciarlo, forse perché sotto minaccia e ricatto.

La disperazione dei vicini di casa

I vicini di casa, ormai, sono disperati. “Non sappiamo più cosa fare – racconta un vicino di casa – Le violenze avvengono davanti ai figli: che vita avranno questi ragazzi?”. In passato un condomino ha denunciato l’uomo perché lo aveva minacciato con un coltello. “La moglie non lo denuncia perché teme di perdere i bambini – spiega un’altra vicina – Ma non capisce che se continua così, glieli toglieranno comunque. Temiamo che un giorno o l’altro la situazione degeneri e lui la ammazzi. Lo abbiamo anche detto ai Carabinieri, ma senza una denuncia non possono procedere”. La situazione è stata anche segnalata all’assistente sociale del Comune, ma la donna non vuole farsi aiutare. “Nel palazzo abitano una decina di famiglie – conclude un altro residente – Qualcuno di noi, prima o poi, finirà nei guai per difendere lei. Speriamo che qualcuno, il Comune o le Forze dell’ordine, intervenga. Altrimenti finiremo per raccontare un’altra storia di femminicidio”.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.