Minoranza all’attacco: “Varchi per la lettura targhe installati da 5 mesi, ma non sono ancora inattivi”. I cittadini non lo sanno e la giunta fa finta di nulla

di Deborah Ali

BERNATE TICINO (MILANO) – Ancora inattivo il sistema di lettura targhe. Il capogruppo di opposizione, Alessio Ottolini, critica il ritardo dell’amministrazione di Bernate Ticino, nel milanese, capitanata dal sindaco Mariapia Colombo. “Come avevamo ipotizzato – spiega il leader della minoranza – i tre portali di lettura targhe, installati da oltre cinque mesi, non sono attivi. Il tutto nel più totale silenzio della maggioranza. L’amministrazione si è ben guardata dal comunicare la mancata attivazione dei varchi ai cittadini e al consiglio comunale.

L’opposizione chiede più sicurezza

“Inoltre, tramite i varchi, non è possibile sanzionare da remoto. E’ necessario predisporre una vettura di servizio per effettuare in loco la contestazione delle sanzioni. Abbiamo inoltre segnalato – prosegue Ottolini – come sia un paradosso che l’accesso al centro urbano con provenienza dalla ‘tangenzialina’ sia privo di varchi di lettura targhe. Qualsiasi automezzo potrebbe aver accesso al centro urbano senza essere rilevato dai portali”. La lista civica Il melograno, prima della pausa estiva, aveva protocollato un’interrogazione proprio in merito al funzionamento dei varchi che permettono, grazie alle targhe, di risalire ai dati della vettura.

La risposta del sindaco sui varchi

A cui ha risposto il primo cittadino Colombo. “Per tutti e tre i portali è stato rispettato il cronoprogramma dei lavori secondo le indicazioni dei rispettivi bandi e le risorse previste per il Comune di Bernate Ticino sono già state incassate. Cercheremo di cogliere altre opportunità di finanziamento per installare ulteriori portali. Nel primo numero dell’informatore comunale del dicembre 2019 già si dava conto che era in atto la progettazione per l’ampliamento della rete di videosorveglianza attiva sul territorio. Nell’ottobre del 2020 è stato approvato il progetto pluriennale di ampliamento del sistema di videosorveglianza con realizzazione di varchi per la lettura targhe”.     

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.