L’assessore alla Cultura di Castano Primo, nel Milanese, che definì gli agenti della Polizia locale “miserabili” dopo una multa, invoca la grazia e il silenzio stampa. Queste sono le 10 domande a cui non vuole rispondere

1 GIUGNO 2020

di Ersilio Mattioni

CASTANO PRIMO (MILANO) – Dovere di un pubblico amministratore, in qualunque nazione dell’Occidente democratico, è rendere conto all’opinione pubblica circa il suo operato e i suoi comportamenti.

Regola non scritta

Una regola non scritta, che appartiene all’etica e che, molto spesso, viene invocata per criticare gli avversari politici. In tutta onestà, pensavamo che l’assessore alla Cultura, Luca Fusetti, fosse diverso.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. In questo periodo però le aziende sono chiuse e la pubblicità si è molto ridotta. Nel mese di marzo avete visitato il nostro sito e letto i nostri articoli 500.190 volte! Noi continuiamo a offrirvi la stessa informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Silenzio stampa

Invece, investito dalle polemiche per aver definito “miserabili” i vigili che lo hanno multato per guida pericolosa, l’assessore si è rifiutato di rispondere alle nostre domande.

Copertura politica

Fusetti sta invece cercando una copertura politica per conservare il suo posto, operazione che gli sta riuscendo alla grande. Il sindaco Giuseppe Pignatiello, infatti, ha dichiarato che il nervosismo dell’assessore va capito e perdonato.

Mozione di sfiducia

Ma le opposizioni hanno presentato una mozione di sfiducia. Ne discuterà il consiglio comunale e metterà a nudo il comportamento dell’assessore, al netto delle scuse, in parte ridicole e giunte comunque in ritardo.

Le 10 domande

Noi però, queste 10 domande, gliele vogliamo fare lo stesso. E, pronti a ricrederci, restiamo in attesa di una risposta dell’assessore Fusetti.

Prima domanda

Avendo lei commesso un’infrazione al codice della strada, ritiene che gli agenti avrebbero dovuto ‘graziarla’?

Seconda domanda

Lei pensa che un’emergenza sanitaria possa giustificare la guida pericolosa?

Terza domanda

E’ a conoscenza delle conseguenze che potrebbe comportare il superamento dei limiti di velocità?

Quarta domanda

Le è mai capitato di leggere un articolo di cronaca nera, dove qualcuno ha perso la vita per colpa di un’auto che viaggiava a velocità più elevata di quella consentita su quel tipo di strada?

Quinta domanda

Cosa l’ha spinta a mettere a verbale quell’insulto (“miserabili”) rivolto agli agenti che avevano semplicemente fatto il proprio dovere?

Sesta domanda

Perché si è scusato solo dopo che la notizia era stata divulgata? Ritiene che sia un comportamento corretto per un pubblico amministratore?

Settima domanda

In tutta onestà, se un consigliere d’opposizione avesse definito “miserabili” gli agenti di Polizia locale di Castano Primo, lei non ne avrebbe chiesto le dimissioni?

Ottava domanda

Secondo lei, un cittadino che (pur essendo in torto) offende le Forze dell’ordine è idoneo a ricoprire cariche pubbliche?

Nona domanda

Non prova neppure un briciolo di imbarazzo nell’essere l’assessore alla Cultura  e contemporaneamente un cittadino che ha incarnato il peggio dell’italiano medio, quando viene multato?

Decima domanda

Assessore Fusetti, esclude categoricamente di accogliere la richiesta dell’opposizione e dimettersi dalla sua carica?

I COMMENTI