A Marcallo con Casone, nel Milanese, un malvivente viene bloccato dai cittadini dopo una rapina: arrestato, viene condotto dai Carabinieri di Magenta nel carcere milanese di San Vittore, dove rimarrà fino all’inizio del processo

28 APRILE 2017

di Redazione

MARCALLO CON CASONE (MILANO) – Entra in una gioielleria del centro storico di Marcallo con Casone, nel Milanese, poi punta il cacciavite alla gola del titolare e si fa consegnare l’incasso. Prontamente segnato alle forze dell’ordine, viene fermato poco dopo e arrestato. Ora si tra in carcere in attesa di processo.

I fatti

Giovedì sera, poco prima dell’orario di chiusura, un pregiudicato di 36 anni, tossicodipendente, residente a Cesano Boscone, nel Sud Milano – entra nella gioielleria Spada di via Roma, in pieno centro a Marcallo con Casone. Tutto si svolge in pochi attimi: l’uomo punta un cacciavite alla gola del titolare e cerca di farsi consegnare l’incasso, poi tenta di fuggire.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

La cattura

Il 36enne non va lontano, perché la porta della gioielleria si chiude automaticamente e, quando esce, viene bloccato dai cittadini. Sono loro che avvisano i Carabinieri di Magenta. I militari intercettano il malvivente proprio in via Roma, lo arrestano e lo conducono nel carcere milanese di San Vittore, dove resterà fino all’inizio del processo a suo carico.

I COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO