Per anni ha preso botte dai figli: volevano soldi per la droga. Lo svegliavano pure in piena notte per picchiarlo

22 FEBBRAIO 2016

di Francesco Colombo

VITTUONE (MILANO) – Picchiano per anni il padre perché vogliono i soldi per la droga: arrestati. E’ una storia di una tristezza infinita quella che è venuta alla luce nei giorni scorsi a Vittuone, nel Milanese. I Carabinieri hanno arrestato due fratelli di 21 e 30 anni per maltrattamenti nei confronti del loro papà: sono accusati di averlo malmenato per anni per farsi dare i soldi per comprare sostanze stupefacenti.

Anni di violenze

Negli ultimi anni sono stati ben 7 gli interventi delle forze dell’ordine nell’abitazione dei due fratelli, sempre per lo stesso motivo. Fino a quando il padre, esasperato dalle continue botte, ha trovato il coraggio di denunciare i suoi figli e di farli arrestare: i due si trovano nel carcere milanese di San Vittore. Gli episodi raccontati dall’uomo sono agghiaccianti. Sembra che il padre venisse addirittura svegliato nel cuore della notte dai figli, scaraventato giù dal letto con violenza e picchiato. A volte i due si nascondevano nel furgone da lavoro del papà per poi saltare fuori all’improvviso e riempirlo di botte.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Estremo gesto d’amore

Ma l’amore di un papà per i suoi figli è senza confini e, a volte, supera anche le cattiverie più inaudite. Tanto che il 60enne di Vittuone, dopo l’arresto dei suoi figli, si è presentato dal loro avvocato difensore, Roberto Grittini, e gli ha manifestato l’intenzione di contribuire al pagamento delle spese legali. Un estremo gesto d’amore verso i suoi ragazzi. Il 60enne, infatti, ha sempre cercato di farli uscire dal tunnel della droga, tanto che il primogenito anni fa aveva trascorso un periodo in una comunità di recupero a Trecate. Anche la situazione famigliare non è serena: il padre vive da solo con i suoi figli, la madre se n’è andata tempo fa. All’uomo è rimasta la passione per le radio antiche, un hobby che coltiva ormai da molto tempo e che lo aiuta a trovare la forza di lottare per i suoi figli e per riportarli sulla strada della vita.

I COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO