Il Tribunale di Busto Arsizio ha condannato in primo grado l’ex sindaco di Legnano Gianbattista Fratus (Lega) e i suoi ex colleghi di giunta, l’ex vicesindaco Maurizio Cozzi (2 anni) e l’ex assessore Chiara Lazzarini (1 anno e 8 mesi), entrambi di Forza Italia. La Procura aveva chiesto condanne più pesanti

20 APRILE 2020

di Redazione

BUSTO ARSIZIO (VARESE) – Processo al Sistema Legnano, il Tribunale di Busto Arsizio ha condannato a 2 anni 2 mesi di carcere l’ex sindaco Gianbattista Fratus (Lega), più 400 euro di multa. Condanna a 2 anni per l’ex vicesindaco Maurizio Cozzi (Forza Italia), considerato il dominus del Sistema. Infine, 1 anno e 3 mesi per l’ex assessore alle Opere pubbliche Chiara Lazzarini (Forza Italia). Per tutti è stata disposta la misura aggiuntiva dell’interdizione dai pubblici uffici per 1 anno e 8 mesi. I condannati ricorreranno in Appello contro la sentenza di primo grado

Le richieste della Procura

Il Pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Nadia Calcaterra, aveva chiesto per tutti una condanna a 3 anni e 6 mesi, ridotta dal Tribunale. Le accuse formulate, a vario titolo, erano quelle di turbativa d’asta e nomine irregolari nelle società pubblico. L’ex sindaco Fratus era inoltre accusato di corruzione elettorale.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

APPROFONDIMENTI

Sistema Legnano, le richieste di condanna