L’asilo focolaio di Sedriano riaprirà solo dopo l’ok di Ats

6 GENNAIO 2021

di Francesca Ceriani

SEDRIANO (MILANO) – L’asilo focolaio di Sedriano, nel Milanese, non riaprirà il 7 gennaio. Lo ha comunicato ieri la preside, Marzia Monica Costa.

Asilo focolaio

La notizia che si attendeva da giorni è arrivata ufficialmente ieri, martedì 5 gennaio: la scuola dell’infanzia ‘Rodari’ non riaprirà il 7 gennaio. A comunicarlo è stata la dirigente scolastica Marzia Monica Costa con una circolare inviata a tutte le famiglie: “Si comunica che nei giorni 7 e 8 gennaio 2021 nella scuola dell’infanzia Rodari non riprenderanno le attività didattiche”. Visti i numerosi casi di positività registrati tra educatrici e piccoli alunni, tra cui anche una bimba di 3 anni ricoverata in ospedale, per la riapertura si attende l’esito dei tamponi di controllo di chi sta terminando le quarantene.

L’ok di Ats

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

Non è certa nemmeno la riapertura il prossimo 11 gennaio. “L’apertura della scuola agli alunni per lunedì 11 gennaio è condizionata dagli esiti dei tamponi di controllo predisposti da Ats e dal benestare della stessa alla riapertura delle attività didattiche”, sottolinea la preside. E conclude: “Lo screening programmato da Ats termina l’8 gennaio. In base ai risultati sarò in grado, sabato 9 gennaio, di comunicare l’eventuale ripresa delle attività per il giorno 11 o il suo eventuale differimento ad altra data”.

Giallo sui dati

Intanto ci si interroga sui dati delle positività a Sedriano. I numeri comunicati dal sindaco, Angelo Cipriani, sarebbero, per sua stessa ammissione, ben lontani dalla realtà. Nell’ultimo bollettino di ieri, infatti, risultano 57 sedrianesi positivi, di cui 8 ricoverati. Ma se si contano i contagi all’interno della scuola, le cifre dovrebbero essere ben diverse. Inoltre da giorni, nonostante molti genitori lo richiedano, il primo cittadino non informa sull’andamento dei tamponi tra alunni, insegnanti e genitori della scuola dell’infanzia. Qual è il motivo di questo silenzio, visto che fino a pochi giorni fa gli aggiornamenti erano quotidiani?

I COMMENTI