A fine aprile sono in programma i lavori al nuovo impianto radiofonico della parrocchia di Ossona, nel Milanese. In arrivo anche una app con cui i fedeli potranno seguire le funzioni dallo smartphone. Si chiude così il caso radio sollevato da ‘Striscia la Notizia’

29 MARZO 2021

di Francesco Bagini

OSSONA (MILANO) – L’inarrestabile parrocchia di Ossona, nel Milanese, ha un nuovo progetto per tornare a trasmettere via radio. Don Angelo Oldani e i suoi collaboratori sono infatti pronti a inaugurare un inedito apparecchio di diffusione, verosimilmente nel corso del mese di aprile.

Il dispositivo ‘Voicelink streaming’

I tecnici infatti rimuoveranno l’attuale antenna fissata sulla torre campanaria. Al suo posto installeranno un dispositivo di comunicazione ‘voicelink streaming’. Si tratta di un sistema economico e moderno, facile da usare, capace di accendersi in automatico appena l’impianto d’amplificazione della chiesa si avvia. Soprattutto è a bassa frequenza, cosa che evita di occupare il segnale di altre stazioni. I fedeli dovranno quindi dotarsi di apposite radioline per potersi sintonizzare sulle funzioni religiose di Ossona.

Sostieni la Libera Informazione


Sul nostro giornale on line trovi l’informazione libera e coraggiosa, perché noi non abbiamo padroni e non riceviamo finanziamenti pubblici. Da sempre, viviamo soltanto grazie ai nostri lettori e ai nostri inserzionisti. Noi vi offriamo un’informazione libera e gratuita. Voi, se potete, dateci un piccolo aiuto.

La nuova app ufficiale

I credenti più ‘tecnologici’, invece, per ascoltare la parola di don Angelo potranno sfruttare la seconda novità in cantiere: l’app ufficiale della chiesa San Cristoforo. Domenica 21 marzo 2021 è terminato il concorso per realizzare il logo dell’applicazione, a breve scaricabile gratuitamente da qualsiasi smartphone.

La denuncia in Tv di Capitan Ventosa

Si chiude così il caso radio parrocchiale, scoppiato il 3 febbraio 2021, in seguito alla denuncia del noto programma Tv ‘Striscia la Notizia‘. La troupe di Canale5 aveva dimostrato che le frequenze della radio del don offuscavano altre emittenti a dispetto delle normative in vigore per i campi elettromagnetici. Il parroco, intervistato da Capitan Ventosa, si mostrò ignaro del disguido. Qualche giorno dopo, ai nostri microfoni, parlò di “errore tecnico” verificatosi in fase d’installazione.